sezione centrale

Agenzia di affari
Presentazione

Si considera “ agenzia d’affari”, l’attività di singoli soggetti o imprese, comunque organizzati, che si offrono, professionalmente e con finalità di lucro, come intermediari ad assumere o trattare affari altrui, prestando la propria opera a chiunque ne faccia richiesta, secondo le disposizioni di legge in materia.

Gli elementi che caratterizzano l’agenzia di affari sono: 

  • l’esercizio organizzato ed abituale di una serie di atti
  • la professionalità e il fine di lucro
  • una prestazione di opera a chiunque ne faccia richiesta
  • la natura essenzialmente di intermediazione di tale opera.

L’apertura di agenzie di affari in genere, era regolata dall’art. 115 del Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza (TULPS), in base al quale si doveva domandare una licenza di polizia rilasciata dalla Questura.

A seguito dell’art.163 comma 2 lett. b) e d) del D.Lgs. 31/3/1998 n.112, la competenza amministrativa in materia è passata ai Comuni, con esclusione di alcuni tipi di agenzie d'affari (attività recupero crediti, pubblici incanti, agenzie matrimoniali e di pubbliche relazioni) per le quali la competenza amministrativa è rimasta alle Questure.

In sintesi, le Agenzie d'affari possono essere distinte in tre tipi:

Attività di agenzia d'affari per le quali deve essere fatta una Denuncia di Inizio Attività (DIA) al COMUNE

Per la gran parte delle attività di agenzia d'affari (diverse da quelle indicate nei successivi punti B) e C) non si deve più domandare la licenza di Polizia, ma si deve fare una Denuncia di Inizio Attività (DIA) al Comune nel quale si intende svolgere questa attività.

Rientrano tra le agenzie d'affari di competenza comunale le seguenti attività:

- disbrigo pratiche amministrative per conto terzi;

- disbrigo pratiche amministrative conseguenti al decesso di persone per conto dei superstiti;

- disbrigo pratiche infortunistiche per conto terzi;

- intermediazione nella vendita di beni nuovi/usati per conto terzi;

- solo esposizione senza vendita di beni nuovi/usati per conto terzi;

- intermediazione nell’acquisizione di spazi pubblicitari per conto terzi;

- agenzie di spedizioni per conto terzi;

- intermediazione nel settore delle spedizioni e dei trasporti senza utilizzo di mezzi e autoveicoli propri;

- intermediazione del esercizio di prevendita di biglietti per spettacoli ed eventi;

- intermediazione nel settore delle esposizioni, mostre e fiere campionarie;

- ricerca e individuazione per conto terzi di aziende di vigilanza privata per lo svolgimento di servizi nel campo della vigilanza privata

Per aprire un'agenzia d'affari è necessario presentare una denuncia di inizio attività all’Ufficio commercio-artigianato- attività produttive, utilizzando l'apposito modello.

Condizioni necessarie per denunciare al Comune l’apertura di una agenzia di affari:

- idoneità dei locali dei locali sotto un profilo igienico sanitario, edilizio, urbanistico e di sicurezza;

- essere in possesso dei requisiti di cui agli artt. 11, 12 e 131 del R.D. 773/1931 e l’insussistenza di cause di divieto, sospensione o decadenza indicate all’art. 10 della legge 31/5/1965 n. 575, come modificato dal D.P.R. 3/6/1998 n. 252 (antimafia);

Infatti l’attività non può essere svolta da chi:

  • ha riportato una condanna a pena restrittiva della libertà personale superiore a tre anni per delitto non colposo e non ha ottenuto la riabilitazione,
  • è sottoposto alla sorveglianza speciale o a misura di sicurezza personale o è stato dichiarato delinquente abituale, professionale o per tendenza,
  • ha riportato condanna per delitti contro la personalità dello Stato o contro l’ordine pubblico ovvero per delitti contro le persone commessi con violenza, o per furto, rapina estorsione o per violenza o resistenza all’Autorità.

Alla DIA devono essere allegati:

  • estratto di mappa e planimetria quotata dei locali in scala 1:100
  • tariffario dei compensi in duplice copia di cui uno in bollo (da euro 16) da vidimare ed esporre nei locali
  • registro degli affari numerato e riportante le indicazioni di cui all'art. 219 del Regolamento di Attuazione del Tulps, le cui pagine dovranno essere vidimate dall'ufficio,
  • accettazione di nomina da parte del rappresentante (se previsto)
  • dichiarazione sostitutiva di certificazione antimafia

NOTA

L'attività potrà essere iniziata decorsi 30 giorni dalla data di presentazione della dichiarazione; contestualmente all’inizio dell’attività l’interessato ne darà comunicazione all’Ufficio commercio.

Ai sensi dell’art. 9 del T.u.l.p.s., il Comune può imporre le prescrizioni ritenute necessarie nel pubblico interesse.

Ai sensi dell’art.120 del T.u.l.p.s., gli esercenti le agenzie di affari sono obbligati a tenere un registro giornale degli affari contenente le indicazioni di cui all’art.219 del Regolamento per l’esecuzione del T.u.l.p.s. ed a tenere permanentemente affissa nei locali dell'agenzia, in modo visibile, la tabella delle operazioni alle quali attendono, con la tariffa delle relative mercedi.

Ai sensi dell’art. 116 del T.u.l.p.s., il Comune può richiedere il versamento di un deposito cauzionale mediante fideiussione bancaria o polizza fideiussoria assicurativa rilasciata da impresa di assicurazioni regolarmente autorizzata all'esercizio di tale attività e con ogni altra modalità prevista dalle disposizioni vigenti in materia di contabilità pubblica, come previsto dall’art. 14 del regolamento di esecuzione al T.u.l.p.s., modificato dal d.p.r. 311/2001.

Le D.I.A. hanno validità permanente, sono personali e, trattandosi di provvedimenti di P.S., possono essere intestate a favore delle persone fisiche ovvero delle persone giuridiche per mezzo dei loro legali rappresentanti. 

Va comunicata al Comune anche la cessazione dell’attività di agenzia di affari. 

Modulistica

Modello comunale DIA agenzia affari

Attività di agenzia d'affari per le quali deve essere fatta richiesta di autorizzazione alla QUESTURA

 

Per alcune attività di agenzia d'affari (quelle rimaste nella competenza del Questore in base all’art. 163, lettera d) del D.Lgs. n.112/1998), occorre presentare richiesta di autorizzazione all’esercizio alla Questura: 

- agenzia di affari di recupero crediti

- agenzia di pubblici incanti (aste)

- agenzia matrimoniale

- agenzia di pubbliche relazioni.

Per la richiesta di autorizzazione all'esercizio di agenzia di affari dei tipi sopra indicati, si deve compilare il MODULO RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE scaricabile dal sito della Polizia di Stato.

In questo caso è necessario presentare anche:

• dichiarazione sostitutiva in cui l’interessato dichiara la tariffa delle operazioni;

• dichiarazione di consenso del rappresentante in cui lo stesso dichiara di non trovarsi nelle condizioni ostative previste dagli artt. 11, 12 e 131 del TULPS. Tale atto di consenso può essere assunto davanti al dipendente competente a ricevere la documentazione;

• dichiarazione sostitutiva in cui l'interessato dichiara di essere titolare di impresa individuale o legale rappresentante di società indicando, altresì, tutti gli elementi necessari per l’individuazione dell’impresa individuale o della società.

• dichiarazione sostitutiva in cui l'interessato dichiara la disponibilità dei locali in cui verrà svolta l'attività.

In luogo delle predette dichiarazioni sostitutive potrà essere prodotta la relativa documentazione rilasciata dagli organi competenti.

Per ulteriori informazioni: Questura di Varese – Ufficio Licenze commerciali Piazza Libertà – 21100 Varese

Modulistica

Modulo richiesta di autorizzazione art. 115 TULPS

 

Attività di agenzia d'affari per le quali esiste una specifica regolamentazione
Alcuni tipi di agenzie d'affari sono stati regolamentati con apposite leggi. 

Quindi, per queste si deve fare riferimento alle normative specifiche, verificando attentamente gli aggiornamenti e le modifiche introdotte a livello nazionale, regionale o locale.

Nell’elenco seguente sono riportate, a titolo di esempio, delle agenzie di questo tipo. 

Accanto all'attività è indicato l’ente al quale sono attribuite le principali competenze di autorizzazione e/o di vigilanza.

- agenzia di affari in mediazione - Camera di Commercio

- agenzia o rappresentanza di commercio - Camera di Commercio

- agenzia di assicurazioni - ISVAP 

- agenzia di cambio – Ministero del Tesoro (nota: dal 1991 è previsto che non siano più banditi concorsi per tale attività)

- agenzia di prodotti finanziari – CONSOB e Camera di Commercio capoluogo di Regione

- agenzia di consulenza per la circolazione di mezzi di trasporto - Amministrazione Provinciale

- agenzia di disbrigo pratiche automobilistiche - Amministrazione Provinciale

- agenzia per il lavoro (somministrazione di lavoro, intermediazione, ricerca e selezione del personale, supporto alla ricollocazione professionale) - iscrizione a un apposito Albo istituito presso il Ministero del lavoro e della previdenza sociale

- agenzia di informazioni per la stampa – Tribunale

- agenzia di stampa (a carattere nazionale) – Registro degli Operatori della Comunicazione tenuto dall'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

- agenzia di viaggi 

- agenzia doganale (spedizioniere doganale) - patentino rilasciato dal Ministero dell'Economia e delle Finanze

- agenzia in attività finanziaria - Ufficio Italiano Cambi

- agenzia scommesse ippiche – Ministero delle Finanze

- agenzia scommesse sulle competizioni sportive sotto il controllo del CONI - denuncia di inizio attività alla Questura (licenza ex art. 88 TULPS) e concessione del CONI

L’attività può essere svolta sia in forma di impresa individuale sia di società.

Normativa di riferimento

R.D. 18 giugno 1931, n. 773 - Approvazione del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (TULPS)

D.Lgs. 31-3-1998 n. 112 - Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della L. 15 marzo 1997, n. 59

Art. 163. Trasferimenti agli enti locali. (…)

2. Ai sensi dell'articolo 128 della Costituzione, sono trasferiti ai comuni le seguenti funzioni e compiti amministrativi: (…)

b) il rilascio delle licenze concernenti le agenzie d'affari nel settore delle esposizioni, mostre e fiere campionarie, di cui all'articolo 115 del predetto testo unico delle leggi di pubblica sicurezza; (…)

d) il rilascio delle licenze concernenti le agenzie di affari, di cui all'articolo 115 del richiamato testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, ad esclusione di quelle relative all'attività di recupero crediti, pubblici incanti, agenzie matrimoniali e di pubbliche relazioni; (…)