sezione centrale

Matrimonio civile
La celebrazione del matrimonio civile è regolata dal codice civile (artt.106 e segg.)

Può fare la richiesta chiunque decide di sposarsi, è libero dal vincolo del matrimonio ed ha fatto le pubblicazioni.

La richiesta deve essere inoltrata dopo che sono trascorsi i termini previsti per l’affissione delle pubblicazioni ed entro sei mesi dalle stesse.

Nel giorno stabilito l'Ufficiale di Stato Civile (Sindaco o suo delegato), nella casa comunale, alla presenza di due testimoni, anche parenti, celebra il matrimonio: dà lettura agli sposi degli artt. 143,144 e 147 del c.c., riceve da ciascuna delle parti personalmente una dopo l'altra, la dichiarazione che essi si vogliono prendere rispettivamente in marito e in moglie e di seguito dichiara che esse sono unite in matrimonio. 

Viene chiesto altresì di dichiarare il regime patrimoniale scelto dai coniugi: comunione o separazione dei beni. 

Dopo le avvenute pubblicazioni, i futuri sposi concordano con l'Ufficiale di Stato Civile la data di celebrazione del matrimonio, che dovrà avvenire entro 180 giorni dalle stesse. Decorso tale termine occorre procedere a nuove pubblicazioni. L'orario delle celebrazioni è da concordarsi preventivamente con l'Ufficiale di Stato Civile. 

Per la celebrazione non è richiesto alcun costo. 

Documentazione necessaria:

  • Autocertificazione disponibile presso l’ufficio di stato civile
  • dichiarazione dell’autorità competente che nulla osta al matrimonio, nel caso di stranieri.
Matrimonio (documenti da presentare per casi particolari)
  • autorizzazione del Tribunale civile: per le donne vedove da meno di 300 giorni che intendono sposarsi nuovamente prima di tale termine
  • copia della sentenza di divorzio emessa dall'autorità estera: per le donne (italiane o straniere) che hanno ottenuto il divorzio all'estero, quando non siano trascorsi 300 giorni dalla data di scioglimento o cessazione degli effetti civili del precedente matrimonio. In tal caso per poter celebrare il nuovo matrimonio è necessaria la preventiva autorizzazione del Tribunale Civile.
  • autorizzazione del Tribunale per i minorenni: per chi ha compiuto 16 anni ed intende contrarre matrimonio prima della maggiore età
  • per i cittadini stranieri: nullaosta o certificato di capacità matrimoniale rilasciato dalla competente autorità diplomatica del proprio paese, e atto di nascita modello plurilingue o tradotto da Consolato, Ambasciata o perito traduttore.

Dove rivolgersi:

Ufficio di Stato Civile - Via Greppi, 4 – OLGIATE OLONA - tel 0331-608740-608711
Dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 13.00
Martedì dalle ore 17.00 alle ore 18.00
Giovedì dalle ore 16.00 alle ore 18.00
I matrimoni civili sono celebrati presso il Palazzo Comunale, Villa Gonzaga, Via Greppi, 13