sezione centrale

Ufficio Assistenti Sociali

Funzionari responsabili:
Monica Rigo
Telefono:
0331/608735

Martina Ferrario
Telefono:
0331/608734

Personale amministrativo:
Lorena Buttol
Telefono:
0331-608786

ORARIO DI APERTURA:
Dal lunedì al giovedì dalle ore 10.00 alle ore 12.00
Venerdì mattina chiuso
Giovedì pomeriggio dalle 16 alle 17.30

Scrivi all'Ufficio Servizi Sociali

Scrivi al Servizio Minori

Scrivi alla Segreteria

Il Servizio si occupa della gestione e realizzazione delle politiche sociali, nonché della promozione e del coordinamento degli interventi offerti dai Servizi pubblici; attraverso l'analisi della domanda il Servizio è in grado di vigilare costantemente sui fenomeni di disagio emergenti, ponendosi come intermediario fra i bisogni espressi dalla comunità e la risposta politica. E' rivolto ad anziani, minori, emarginati, portatori di handicap.

Schede informative sulle procedure svolte dall'Ufficio

Inserimenti lavorativi a favore di invalidi e persone disabili
Da anni esiste una collaborazione ormai consolidata con il progetto Giasone che consente di inserire nel mondo lavorativo ragazzi con problemi.
Personale specializzato cura l'iter di inserimento del ragazzo e il periodo di tirocinio presso una ditta e/o cooperative di lavoro

Interventi per la famiglia
Gli Operatori dell'Ufficio stanno lavorando in merito all'assistenza alle famiglie e ai suoi componenti deboli in raccordo con il sistema dei servizi, in modo particolare:

  • sostenendo le famiglie nella gestione delle risorse economiche garantendo un'assistenza economica di base;
  • affrontando crisi familiari, in particolar modo tutelando i minori

Pasti a domicilio
Il servizio consiste nella preparazione e consegna di pasti caldi per tutti i giorni dell'anno solare (domenica e festivi inclusi) a favore di soggetti che non siano in grado di provvedere direttamente alla preparazione del pasto .
Il pasto viene distribuito a domicilio entro le ore 12.00. Il servizio prevede una compartecipazione alla spesa in base all'ISEE ( indice di situazione economica).

Pensione di invalidità
L'ufficio Servizi Sociali ha a disposizione la modulistica ed è disponibile a fornire informazioni.

Servizi a favore di disabili
L'Ufficio Servizi Sociali si sta adoperando al fine di migliorare l'organizzazione complessiva del sistema "a rete" degli interventi per le persone disabili attraverso:
- identificazione a livello territoriale di modalità di coordinamento di più comparti (sociale, sanitario, educativo) nonché di interazione tra diverse figure professionali chiamate ad operare per il perseguimento di un obiettivo comune;
- definizioni di piani di trattamento personalizzati in collaborazione con le strutture di riabilitazione e sanitarie;
- attenzione più forte alla famiglia come soggetto partecipe del progetto globale rivolto al disabile, e come erogatore di servizi che hanno per destinatario lo stesso disabile.

Servizio di assistenza domiciliare (SAD) e di assistenza domiciliare integrata (ADI)
Rivolto a persone anziane e disabili.
La domanda di assistenza domiciliare viene soddisfatta inviando personale specializzato a domicilio della persona in stato di necessità.
Il servizio SAD prevede una compartecipazione alla spesa in base all'ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente).

L'Assistenza Domiciliare Integrata (A.D.I.) offre cure sanitarie a domicilio a persone di qualsiasi età, non deambulanti, affette da malattie, temporaneamente o permanentemente invalidanti e che non possono accedere a servizi o strutture ambulatoriali.
Il fine è quello di:
- Evitare il ricorso non motivato a ricoveri in strutture ospedaliere 
- Garantire la continuità di cure adeguate dopo la dimissione dall'ospedale. 
L'A.D.I. fornisce interventi medici (diagnosi e terapia), infermieristici (prestazioni infermieristiche) e riabilitativi (fisiochinesiterapia). 
Viene attivato dal Medico di Medicina Generale o dal Pediatra di Libera Scelta, su richiesta dell'interessato o di suoi familiari o dai Servizi Sociali, con il consenso del paziente. 
Il Medico di Medicina Generale o il Pediatra di Libera Scelta definisce l'ipotesi di intervento in collaborazione con gli operatori esperti dell'A.D.I. del Distretto Socio Sanitario di appartenenza della persona per cui deve essere attivato l'intervento. Viene quindi definito un piano assistenziale individualizzato, con l'obiettivo di curare e preservare il più possibile la qualità della vita della persona stessa, avvalendosi della collaborazione dei familiari anche per la stesura del progetto e la verifica dello stesso, ci si avvale dell'Unità di Valutazione Multidimensionale (U.V.M.) distrettuale che è costituita da un nucleo interno e da una componente afferente esterna.
Elenco degli operatori economici per l'erogazione del servizio di assistenza domiciliare

Servizio televita
Il comune di Olgiate è convenzionato con il servizio Telesoccorso IRIS Televita di Gallarate. Gli anziani soli, su richiesta, possono usufruire di tale servizio che consiste in un dispositivo che permette modalità di intervento tempestivo.
L'abbonato, in caso di bisogno, a qualsiasi ora, può contattare la centrale operativa e dialogare con gli Operatori Televita per avere consigli, conforto, sostegno.
Inoltre sono a sua disposizione i servizi di Teleassistenza medica, legale e tecnica (in seguito ad un guasto nell'abitazione).

Sportello immigrati 

L'Orizzonte Auser svolge il servizio di Sportello Immigrati solo previo appuntamento nella propria sede sita in Olgiate Olona in via Vittorio Veneto

  • LUNEDI: 15.30 - 18.00
  • MARTEDI: 09.30 - 12.00 / 15.00 - 19.00
  • GIOVEDI: 09.30 - 12.00 / 15.00 - 19.00
  • VENERDI: 09.30 - 12.00 
  • SABATO: 09.00 - 13.00

PER PRENDERE APPUNTAMENTO TELEFONARE AL NUMERO 0331/375265 SOLO ED ESCLUSIVAMENTE NEI SEGUENTI GIORNI/ORARI:

LUNEDI: 09.30 - 12.00                     MERCOLEDI: 09.30 - 12.00

 

Trasporto
Viene garantito agli anziani con particolari patologie invalidanti, agli invalidi, ai disabili, a coloro che soffrono di un patologia cronica e agli anziani soli in condizioni disagiate. 
E' prevista una compartecipazione in base all'Isee.
Il servizio è garantito a tutti i minori disabili che frequentano la scuola dell'obbligo, strutture specialistiche, riabilitative e cooperative. 
E' attivo il servizio trasporto urbano che collega la zona del Buon Gesù e del Gerbone con il Centro e con il Distretto di Fagnano Olona.

Progetto Orientamento in Valle Olona
L'Amministrazione Comunale ha sempre riconosciuto molta importanza alla tematica della scuola a livello sociale.
L'Assessorato ai Servizi Sociali ha molto a cuore il tema dell'istruzione. 
Istruzione pubblica non significa solo diffusione del linguaggio e della cultura, ma si caratterizza fortemente con la capacità di trasmettere in maniera puntuale la visione dei fenomeni socio-culturali del nostro tempo, con il desiderio di proporre valori, con la volontà di testimoniare scelte e stili di vita, con la cura a rispettare la voce di ogni persona, con l'impegno a sentirsi responsabili del destino di ogni uomo, con l'attenzione da porre sempre alla salvaguardi del creato.

L'istruzione pubblica rappresenta, insomma, educazione, formazione e costruzione per la vita:
educazione di persone in grado di integrarsi socialmente con gli altri e capaci di vivere la vita ricca di valori;
formazione di persone in condizione di relazionarsi con il contesto che li circonda;
costruzione di persone all'altezza di affrontare il mondo nella sua complessità e quello del lavoro nelle sue specificità.

Per cogliere questi obiettivi si è ritenuto fondamentale garantire ai ragazzi un curriculum scolastico ricco, offrendo loro momenti di riflessione e di coinvolgimento su tematiche legate alla loro crescita ed ai loro problemi.
Per gli alunni delle scuole secondarie di primo grado, in accordo con la Dirigenza scolastica, che ha fornito per la costruzione dell'intero piano una preziosa e fondamentale collaborazione, si è programmato di coltivare progetti finalizzati alla prevenzione del disagio giovanile, progetti di educazione all'affettività e progetti di orientamento per proseguire consapevolmente gli studi o per decidere di affrontare consapevolmente il mondo del lavoro al fine di non lasciare soli i ragazzi e le loro famiglie in un momento così delicato quale quello della scelta del proprio percorso formativo.
E' in questa prospettiva che è nato il progetto "Orientamento in Valle Olona", che coinvolge in maniera sinergica tutti gli uffici Informalavoro della Valle Olona. (Castellanza, Olgiate Olona, Gorla Minore, Gorla Maggiore, Marnate e Fagnano) e le scuole medie inferiori del territorio.
Il progetto "Orientamento in Valle Olona" si articola in tre momenti:
1) Presentazione ai ragazzi e ai genitori del Servizio Informalavoro come realtà territoriale di riferimento per temi come il lavoro, la formazione, l'istruzione e come supporto per percorsi di orientamento scolastico e professionale. Durante questa fase saranno date informazioni sulla Riforma Moratti, sul Diritto/Dovere di istruzione e formazione. Si parlerà di cosa posso/devo fare dopo la terza media?
Il mondo della Scuola e le varie tipologie di Istituti. Il mondo della formazione professionale: offerta formativa e metodologia didattica. Il canale dell'apprendistato così come previsto dalla legge Biagi.
2) Riflessioni sul tema del lavoro, analisi delle figure professionali maggiormente richieste.
3) Salone orientamento che sarà organizzato presso i locali delle scuole e che avrà lo scopo di incontrare i ragazzi singolarmente
o a gruppi suddivisi per aree di interesse. Con l'aiuto di uno psicologo del Cospes (Centro di Orientamento e Consulenza Scolastica) ogni alunno potrà affrontare un discorso individualizzato che permetterà di capire quali sono le potenzialità personali e di poter consigliare e guidare il ragazzo in percorsi formativi di tipo superiore che diano la possibilità di raggiungere una professionalità nell'ambito lavorativo.

Progetto:'Famiglie in valle: una rete per accogliere'
"Famiglie in valle: una rete per accogliere"è il progetto promosso dalle Cooperative "La Grande Casa" e "Solasa" che verrà realizzato a seguito delle indicazioni espresse dal Piano di zona dell'ambito sociale Valle Olona - Distretto di Castellanza e finanziato dai fondi della Legge 285.
Si tratta di un percorso di sensibilizzazione sul territorio dei Comuni del Distretto per una adeguata conoscenza dell'affido familiare e di altre forme di appoggio alle famiglie in difficoltà.
Ha inoltre lo scopo di creare gruppi di famiglie tra loro collegate, disponibili a sostenersi nella scelta di aprirsi all'affido o più semplicemente a gesti quotidiani che siano sostegno concreto per i minori e le loro famiglie.
L'affido familiare - così come regolato dalla Legge 184/83, modificata con la Legge 149/01 "Diritto del minore ad una famiglia" - significa:
- accogliere un bambino per un periodo di tempo
- realizzare un sevizio a favore di bambini e ragazzi che vivono temporaneamente situazioni di difficoltà affettive, educative
o relazionali
- attivare un intervento attraverso il quale si offre all'accolto un ambiente familiare dove trovare un'adeguata risposta ai suoi
bisogni
- offrire un intervento a termine, che dura il tempo necessario al recupero della famiglia di origine dove il bambino tornerà.

Collocamento Mirato Disabili
Il Collocamento delle persone disabili è una delle competenze attribuite alle Province dalla riforma del mercato del lavoro.
In particolare, la legge n. 68 del 1999 ha cambiato in maniera significativa le logiche con cui veniva gestito questo particolare servizio: al concetto di "collocamento obbligatorio" è stato affiancato quello di "collocamento mirato", inteso come insieme di servizi che favoriscono l'incontro tra le esigenze dell'azienda e le caratteristiche individuali della persona disabile.
Sul sito internet della Provincia di Varese si possono reperire maggiori informazioni per ciò che concerne l'offerta del servizio.
ORARI DI APERTURA SPAZIO LAVORATORI:
Tel. 0332 252 689/721
Fax 0332 252 800
da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 12.00
lunedì e giovedì dalla 15.00 alle 16.30

Nota bene
Dal 2005 non viene piu' inviata ad ogni lavoratore la lettera di sollecito per l'effettuazione delle dichiarazioni relative al reddito ed al carico familiare, necessarie per la formulazione delle graduatorie.
Pertanto ogni iscritto dovrà provvedere autonomamente ad effettuare le citate dichiarazioni, entro il 31 gennaio 2006, utilizzando il MODULO DI DICHIARAZIONE ANNUALE.
I dati di reddito e di carico familiare devono riferirsi al 31 dicembre dell'anno precedente l'effettuazione della dichiarazione.
La dichiarazione puo' essere inviata anche via fax al numero 0332-252800 allegando fotocopia fronte retro di un documento di identità.
 

 

ASSEGNO DI MATERNITÀ

Viene corrisposto alle donne, cittadine italiane, comunitarie o straniere in possesso di carta di soggiorno, per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento. La prestazione da richiedere al comuni di residenza entro sei mesi dall'evento. Spetta in misura.

 

ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE
L'assegno familiare spetta ai nuclei familiari italiani e comunitari su richiesta da presentarsi al comune di residenza. E' concesso dall'ente locale, ma pagato materialmente dall'Inps, a condizione che siano soddisfatti due soddisfatti 2 requisiti: nel nucleo devono essere presenti almeno 3 figli minori e Isee entro i valori di riferimento.

www.inps.it

 

BANDI 

CASA - Emergenza abitativa

Fondo per le Non Autosufficienze - Misura B2

Dopo di noi