sezione centrale

Pubblicazioni di matrimonio

La pubblicazione serve per dare pubblicità alla volontà di due persone che vogliono sposarsi. La richiesta della pubblicazione deve essere rivolta al comune di residenza degli sposi o di uno di essi.

Chi puo' fare la richiesta

Chiunque decida di sposarsi e sia libero dal vincolo del matrimonio o da altri impedimenti (es.: interdizione).

Quando fare la richiesta

Se si è maggiorenni, in qualunque momento. Per i minorenni dai sedici ai diciotto anni, dopo avere ottenuto il decreto di autorizzazione del Tribunale dei minori

Dove andare e cosa fare

Nell’ufficio pubblicazioni di matrimonio del Comune di residenza di uno dei due futuri sposi, per richiedere l’appuntamento .

Se si vuole contrarre matrimonio in chiesa (concordatario o secondo altri culti ammessi dallo Stato) bisogna consegnare la richiesta rilasciata dalla parrocchia o dal ministro di culto.

Occorre, anche, avere i documenti d’identità validi

Le pubblicazioni sono affisse alla casa comunale per almeno otto giorni comprendenti due domeniche.

Se uno dei futuri coniugi è residente in un altro Comune le pubblicazioni sono affisse in entrambi i Comuni.

Casi particolari:

I minori dai sedici ai diciotto anni devono presentare il decreto di autorizzazione del Tribunale dei minori;

Le donne divorziate possono contrarre nuovo matrimonio solo se sono trascorsi trecento giorni dalla data del divorzio annotata a margine della copia dell’atto di matrimonio.Anche le donne vedove possono risposarsi solo dopo trecento giorni dalla morte del marito. 

Tale termine non si osserva:

  • se il matrimonio è autorizzato con decreto del Tribunale;
  • se esiste una sentenza da cui risulti che non c’è stata convivenza nei trecento giorni precedenti il divorzio
  • se lo scioglimento o il divorzio siano stati ottenuti per mancata consumazione del matrimonio o per separazione durata tre anni.
  • Se i futuri sposi devono legittimare figli nati dalla loro unione devono segnalare la circostanza al momento della richiesta delle pubblicazioni.